martedì 25 agosto 2015

Quando c'era Marnie

 Anna soffre di asma, ma i suoi problemi sono di natura psicologica: non riesce ad accettare se stessa e ad amare la propria madre adottiva. Quest'ultima manda Anna in vacanza da dei parenti in Hokkaido, nella speranza che ritrovi salute e serenità. Inspiegabilmente attratta da un maniero che si vocifera sia infestato dai fantasmi, la ragazza vi conoscerà Marnie, una coetanea che sembra provenire da un'altra epoca.
Anna vede davvero Marnie, o gli incontri con lei sono soltanto delle allucinazioni? 

Solo il futuro potrà rivelare se Quando c'era Marnie sarà destinato a rappresentare il testamento dello Studio Ghibli, l'atto finale di un'epopea impareggiabile. Primo titolo (e forse ultimo) privo di ogni contributo da parte delle due anime dello studio, Takahata Isao e Miyazaki Hayao, il film rimane quintessenza di uno stile filosofico, emotivo e morale forgiato nei decenni e via via perfezionato dal punto di vista tecnico. I colori e i giochi di luci e ombre in Quando c'era Marnie raggiungono vette stupefacenti, come esige una ghost story britannica, scritta da Joan G. Robinson nel 1967 e trapiantata da Yonebayashi Hiromasa (Arrietty - Il mondo segreto sotto i pavimento) nel paesaggio naturale dell'Hokkaido. 


domenica 23 agosto 2015

Ant-Man

 Lo scassinatore Scott Lang accetta un ultimo colpo, ma dentro la cassaforte anziché soldi trova una strana tuta. Quando la indossa attiva un meccanismo di miniaturizzazione che lo trasforma in un minuscolo guerriero. Contattato dal creatore della tuta, lo scienziato Hank Pym, Scott si troverà di fronte alla difficile decisione di diventare Ant-Man e salvare il mondo da un pericolo mortale. 

La più volte annunciata Fase 2 dell'epopea cinematografica Marvel arriva al suo momento chiave. Perché nonostante la sua natura minore, o meglio minuscola, all'interno dell'universo della Casa delle Idee, Ant-Man è destinato a incarnare un ruolo cruciale. Quello della diversità, del supereroismo come riscatto, definitivamente riconquistato da quei nerd che l'hanno generato, sulla scia dei Guardiani della Galassia che sono già cult generazionale. Perché se il supereroe con superproblemi è il marchio di fabbrica della Marvel, pochi possono competere con la mancanza di glamour di un ex galeotto divorziato e miniaturizzato a cavallo di una formica. La scommessa più audace di un pantheon disincantato, capace di prendersi gioco dei dogmi di un rituale che non nasconde ult(ron)eriori sorprese. Propositi che conferiscono a Ant-Man una responsabilità che l'opera di Peyton Reed dimostra chiaramente di non poter gestire appieno. In primis per la sua natura ibrida e irrisolta: in origine progetto pluriennale di Edgar Wright (L'alba dei morti dementi, Scott Pilgrim vs the World), destinato a sconvolgere il canone tra mille aspettative, si è trasformato, a causa di divergenze creative, in quello di Peyton Reed. 


mercoledì 19 agosto 2015

Un ponte per Anne Frank

Un ponte per Anne Frank è il sito web dell'associazione fondata da Sofia Domino, che lei stessa definisce così: l'Associazione, che con onore porta il nome Anne Frank, tramanda la sua storia e i suoi profondi messaggi ai più giovani e ai meno giovani, incoraggiandoli a divenire cittadini più responsabili e a rispettare il mondo in cui viviamo. 

Lei stessa mi contattò qualche mese fa, chiedendomi se poteva pubblicare la mia breve recensione scritta su Goodreads inerente al Diario di Anne Frank. E io accettai con piacere. La mia recensione assieme ad altre la potrete trovare nella rubrica Cara Kitty

Kitty era l'amica immaginaria a cui Anna Frank ha affidato i suoi pensieri, scrivendoli nel suo Diario, fino al giorno in cui fu catturata e deportata, con tutta la sua famiglia, prima nel campo di concentramento nazista di Auschwitz-Birkenau e poi a Bergen-Belsen, dove morì di tifo nella primavera del 1945.

La storia di Anne rappresenta milioni di persone vittime della persecuzione e delle discriminazioni, e i messaggi trascritti nel suo Diario incoraggiano a lottare per un mondo migliore.

Anne Frank rappresenta tutti quei bambini che ancora oggi sono vittime della persecuzione e ingiustizie. Grazie alla sua storia e attraverso programmi mirati lottiamo contro la discriminazione e la povertà, incoraggiamo a non dimenticare la Shoah e promuoviamo la pace e il rispetto, per un presente e un futuro migliore. Questi, in breve, i motivi e gli scopi di questa associazione, per maggiori informazioni e approfondimenti cliccate qua: Un ponte per Anne Frank- la nostra missione.





15 cose che non sopporto

Nuovo giorno, nuovo tag! Quante volte nella nostra vita di tutti i giorni ci capita di assistere ad eventi che nessun umano potrebbe immaginare potessero accadere, eventi però che mettono a dura prova il nostro - già precario - livello di pazienza e sopportazione. Ma si esplode, eccome, quando arriva lei... La vecchina che ti supera nella fila al panificio senza battere ciglio! Ecco il mio modesto elenco di cose che non sopporto, se avrete la pazienza di aprire il video qua sotto e farvi due risate. :) 


venerdì 14 agosto 2015

Suite Francese

Dal celebrato romanzo di Irène Némirovsky, SUITE FRANCESE, è il racconto dell’amore bruciante di un uomo e una donna travolti dalla Storia. Ambientato in Francia nel 1940, il film narra della bellissima Lucile Angellier (Michelle Williams) che nell'attesa di ricevere notizie del marito prigioniero di guerra, vive un'esistenza soffocante insieme alla suocera, donna dispotica e meschina (Kristin Scott Thomas). La vita di Lucile viene stravolta quando i parigini in fuga si rifugiano nella cittadina dove vive e la città viene invasa dai soldati tedeschi che occupano le loro case. Inizialmente Lucile ignora la presenza di Bruno (Matthias Schoenaerts) un raffinato ufficiale tedesco che è stato dislocato nella loro abitazione. Ma dopo l'iniziale indifferenza, Lucile "si risveglia" e inizia a esplorare sentimenti sepolti che la porteranno inevitabilmente verso Bruno...


martedì 4 agosto 2015

Summer Book Tag

Cari amici lettori, bentrovati!

Oggi ho ideato e registrato un nuovo video tag, dal titolo Summer Book Tag: un tag prettamente estivo, dove si deve rispondere a 15 domande librose. 

Pronti a vederlo?

Mi raccomando, rispondete sotto al video su YouTube e ditemi i vostri libri, le vostre letture estive, le saghe che vi hanno appassionato di più, le storie d'amore che consigliate di leggere, soprattutto in estate, insomma, fatevi sentire!

Io vi auguro buone vacanze e, se non ci vediamo presto, un buon Ferragosto di letture!

A presto, amici lettori!






Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...