lunedì 22 giugno 2015

Pausa estiva... a presto, amici! ^_^

Carissimi, bentrovati! Finalmente l'estate è arrivata, le giornate sono più lunghe e chi può va pure in vacanza. Io per il momento mi trovo (ahimé) intricato in mille impegni, e purtroppo il tempo da dedicare alle recensioni sarà davvero contato col contagocce! Volevo soltanto augurarvi buone vacanze, mi raccomando rilassatevi e leggete tantissimo! 

Di sotto troverete un mio breve video saluto, a presto amici! 




domenica 21 giugno 2015

Alcuni consigli libreschi di giugno 2015

Cari amici lettori, l'estate ci ha raggiunti e sicuramente molti di voi non hanno ancora scelto i libri da leggere in spiaggia o in montagna. Ma non preoccupatevi, c'ho pensato io! E buone vacanze a tutti! P.S.: se cliccati sul titolo andrete direttamente al sito della casa editrice! :)


Con una penna eccellente, ricca, che sa essere rorida e riarsa e meravigliosamente letteraria, Patrizia Rinaldi ci propone una storia di donne e memoria. Protagoniste sono una madre e una figlia. Maria Antonia ha affrontato lutti e miseria, è fuggita come profuga da Spalato, ha perso un marito nelle Foibe e ha visto i fratelli condannati ai campi di lavoro. Ma nonostante la dannazione della guerra è sempre vissuta padrona di sé. Darà scandalo pur di assecondare la sua disperata voglia di vivere, eternamente affamata di emozioni. La storia di questa donna giovane e indomabile ci viene raccontata da Ena, sua figlia, costretta a letto dall’età avanzata dopo una vita sazia e pigra. Come la madre, anche Ena è una donna aspra e forte. Ma la generosità della vita è stata per lei più un danno che un conforto. E ora, prossima alla fine, ricorda. Mentre la grande Storia si intreccia alla memoria privatissima, le stagioni della donne si confondono nelle parole di Ena e Maria Antonia. Fra rimorsi, speranze, sogni e dolori, una giovane indomita troverà la sua strada per diventare donna, e una figlia, molti anni più tardi, scoprirà le ragioni segrete di una madre all’alba della vita.

martedì 16 giugno 2015

Umberto Eco e i social media

Qualche giorno fa l'autore de Il nome della rosa ha ricevuto una laurea honoris causa in Comunicazione e Culture dei Media all'università di Torino.  Al termine del conferimento della suddetta laura, l'esimio professor Eco ha risposto gentilmente ad alcune domande dei giornalisti che erano presenti sul tema Social Network e web. Le sue risposte hanno avuto una certa Eco (permettetemi il gioco di parole che cade a fagiuolo) proprio sul web, visto che il prof ha aspramente criticato un mondo che lui stesso, ha ammesso, non conosce. Brevemente qua sotto il mio punto di vista. 



sabato 13 giugno 2015

Justice League

Justice League (2017) Dopo la morte di Superman, l'umanità è sola e impaurita. Una minaccia antica torna a far sentire la sua apo...