venerdì 29 agosto 2014

Una solitudine troppo rumorosa - Bohumil Hrabal

Introduzione

Due settimane fa mi sono recato alla biblioteca comunale e, fattomi consigliare dalla bibliotecaria, mi son trovato fra le mani questo libro dal titolo contraddittorio Una solitudine troppo rumorosa dell’autore (a me completamente sconosciuto) ceco Bohumil Hrabal. Il titolo è la prima cosa che colpisce: e ho subito pensato  a Kundera (anch’egli ceco) con la sua opera L’insostenibile leggerezza dell’essere. Come ha notato Sergio Corduas, il traduttore di questo libro (edizione Einaudi Tascabili, pagine 134), entrambe le opere sono quasi degli ossimori, e lo cito: “La leggerezza non dovrebbe essere «insostenibile», e la solitudine non dovrebbe essere affollata e rumorosa… In ogni caso è abbastanza certo che biograficamente, stilisticamente e letterariamente, Kundera e Hrabal sono in relazione di antitesi più che di analogie, anzi l’opera dei due sembra quasi un piano preparato a tavolino per porci domande alle quali fornire le dovute risposte.” Ma prima di addentrarci nell’opera, mi sembra giusto, visto che l’autore è poco noto qui da noi, pennellare brevemente la sua vita.

L’autore

Bohumil Hrabal è nato a Brno, in Moravia, nel 1914, e ha svolto innumerevoli e svariati lavori: magazziniere, preparatore di malto in una fabbrica di birra, minutante notarile, ferroviere, assicuratore presso la compagnia “Sostegno della vecchiaia”, commesso viaggiatore, operaio nelle acciaierie, imballatore di carta da macero, macchinista e comparsa teatrale. Come scrittore inizia con la poesia, fortemente influenzato dal surrealismo, passa ai racconti (Inserzioni per una casa in cui non voglio più abitare, Einaudi 1968; Vuol vedere Praga d’oro?, Longanesi 1973), e pubblica il suo primo romanzo breve nel 1965: Treni strettamente sorvegliati (Edizioni e/o 1982), reso noto in tutto il mondo dall’Oscar assegnato al film omonimo. Dopo la crisi politica del 1968, che gli costò sette anni di silenzio forzato, due libri mandati al macero e una pubblicazione incompleta e solo episodica dei suoi testi, comparvero in H. forme narrative più ampie e vicine al romanzo. Gli anni Ottanta rappresentarono per lo scrittore il momento della pubblicazione in patria, ma più spesso all’estero, di testi del decennio precedente o di manoscritti degli anni giovanili, mentre la tematica della sua produzione divenne sempre più incline al ricordo in brevi testi memorialistici, soprattutto nell’ampia trilogia di Nymburk, di cui è stato tradotto solo il primo volume (Le nozze in casa, 1992). 

martedì 26 agosto 2014

Diario di scuola - Daniel Pennac

Diario di scuola affronta il grande tema della scuola dal punto di vista degli alunni. In verità dicendo ‟alunni” si dice qualcosa di troppo vago: qui è in gioco il punto di vista degli ‟sfaticati”, dei ‟fannulloni”, degli ‟scavezzacollo”, dei ‟cattivi soggetti”, insomma di quelli che vanno male a scuola. Pennac, ex somaro lui stesso, studia questa figura popolare e ampiamente diffusa dandogli nobiltà, restituendogli anche il peso d'angoscia e di dolore che gli appartiene. Il libro mescola ricordi autobiografici e riflessioni sulla pedagogia, sulle universali disfunzioni dell'istituto scolastico, sul ruolo dei genitori e della famiglia, sulla devastazione introdotta dal giovanilismo, sul ruolo della televisione e di tutte le declinazioni dei media contemporanei. E da questo rovistare nel ‟mal di scuola” che attraversa con vitalissima continuità i vagabondaggi narrativi di Pennac vediamo anche spuntare una non mai sedata sete di sapere e d'imparare che contrariamente ai più triti luoghi comuni, anima – secondo Pennac – i giovani di oggi come quelli di ieri. Con la solita verve, l'autore della saga dei Malaussène movimenta riflessioni e affondi teorici con episodi buffi o toccanti, e colloca la nozione di amore, così ferocemente avversata, al centro della relazione pedagogica.


domenica 24 agosto 2014

La tredicesima storia - Diane Setterfield

Margaret Lea è una giovane libraia antiquaria che negli anni trascorsi con il padre tra pagine immortali e volumi sepolti dall'oblio, ha coltivato una quieta passione per le biografie letterarie in cui di tanto in tanto si cimenta. La sua prevedibile esistenza viene sconvolta il giorno in cui Vida Winter, sfuggente e carismatica scrittrice alla fine dei suoi giorni, la incarica di scrivere la sua biografia ufficiale. Margaret parte alla volta dell'isolata magione dell'anziana autrice, nelle campagne dello Yorkshire, e rimane immediatamente stregata dalle vicende della singolare famiglia Angelfield e dalla sorte di un misterioso racconto che Vida Winter non ha mai voluto pubblicare... "La tredicesima storia" dipana così davanti agli occhi del lettore non solo il tempestoso trascorrere di esistenze avvolte dal segreto, ma anche la complessa, intensissima amicizia tra due donne di differenti generazioni che, dietro la magica finzione del narrare, troveranno l'una nell'altra verità su se stesse a cui mai sarebbero potute arrivare da sole.




sabato 23 agosto 2014

L'arte di correre - Haruki Murakami

Quando, nel 1981, Murakami chiuse Peter Cat, il jazz bar che aveva gestito nei precedenti sette anni, per dedicarsi solo alla scrittura, ritenne che fosse anche giunto il momento di cambiare radicalmente abitudini di vita: decise di smettere di fumare sessanta sigarette al giorno, e - poiché scrivere è notoriamente un lavoro sedentario e Murakami per natura tenderebbe verso una certa pinguedine - di mettersi a correre. Da allora, di solito scrive quattro ore al mattino, poi il pomeriggio corre dieci o più chilometri. Qualche anno più tardi si recò in Grecia dove per la prima volta percorse tutto il tragitto classico della maratona. L'esperienza lo convinse: da allora ha partecipato a ventiquattro di queste competizioni, ma anche a una ultramaratona e a diverse gare di triathlon. Scritto nell'arco di tre anni, "L'arte di correre" è una riflessione sulle motivazioni che ancora oggi spingono l'ormai sessantenne Murakami a sottoporsi a questa intensa attività fisica che assume il valore di una vera e propria strategia di sopravvivenza. Perché scrivere - sostiene Murakami - è un'attività pericolosa, una perenne lotta con i lati oscuri del proprio essere ed è indispensabile eliminare le tossine che, nell'atto creativo, si determinano nell'animo di uno scrittore. Al tempo stesso, questo insolito libro propone però anche illuminanti squarci sulla corsa in sé, sulle fatiche che essa comporta, sui momenti di debolezza e di esaltazione che chiunque abbia partecipato a una maratona avrà indubbiamente provato.


giovedì 21 agosto 2014

La Ragazza di Fuoco - Hunger Games #2

Titolo originale: The Hunger Games: Catching Fire

Ritrovati i loro cari e il loro distretto, Katniss e Peeta si preparano al tour e alla gloria che li attende a ogni stazione. Partita suo malgrado e sotto la minaccia del Presidente Snow, che la scopre innamorata di Gale, Katniss si accorge molto presto di aver acceso la speranza nel cuore della gente di Panem. Accolta come un'eroina piuttosto che una star, Katniss morde il freno ma il ricatto di Snow la costringe a giocare il suo ruolo e a distrarre il popolo dai problemi reali. Temeraria e sfrontata, Katniss cresce tuttavia in fascino e ascendente. Allarmato dal suo credito, Snow decide di diffamarlo, a ogni costo, con ogni mezzo. L'incarico viene affidato a Plutarch Heavensbee, stratega volontario che ha sostituito il 'dimissionario' Seneca Crane. L'idea è quella di indire un'edizione straordinaria dei giochi in cui concorreranno i vincitori delle edizioni precedenti. Katniss e Peeta, di nuovo uniti e di nuovo in gara, emergono su un'isola tropicale, circondata da un campo di forza e piena di insidie. Stabilite rapidamente alleanze e ostilità, i due ragazzi cercano di sopravvivere. Ma questa volta Katniss e Peeta non sono soli. La ghiandaia imitatrice ha spalancato le ali.


martedì 19 agosto 2014

Il Patto della Viverna - Maurizio Vicedomini

Nel freddo nord della taiga, un’armata scheletrica rade al suolo un villaggio dopo l’altro, avanzando verso il sud più profondo. Sopravvissuti alla distruzione, Tiros, Khalin e Alannah inizieranno la loro caccia contro un nemico che governa la negromanzia, forte dei poteri di un antico legame.
Ma al patto si contrappone una promessa: la promessa di un cacciatore bramoso di vendetta, disposto a fronteggiare la morte stessa pur di portare il giusto riposo al suo popolo.











lunedì 18 agosto 2014

Il gioco di Ender - Orson Scott Card

Gli alieni hanno attaccato due volte la Terra e hanno quasi distrutto la specie umana. Per assicurarsi la vittoria nel successivo scontro di questa guerra, il governo del mondo ha deciso di creare una razza di geni militari, di allevare bambini al di fuori del mondo normale e istruirli nelle arti marziali tramite una serie di "giochi di guerra" e di combattimenti simulati, basati sull'uso del computer. Ender Wiggin è un genio tra i geni: nato con le doti di un superbo comandante e condottiero di uomini, viene forzato a una precoce maturità attraverso un addestramento continuo e pressante. Toccherà a lui, unico a vincere tutti i "giochi", assumere il comando delle forze terrestri e la salvezza del genere umano sarà nelle sue mani...








mercoledì 6 agosto 2014

Il corpo sa tutto - Banana Yoshimoto

Cari amici lettori, bentrovati! 

Come stanno andando le vostre letture estive? 

Nel frattempo il mio canale sul Tubo ha raggiunto la bella somma di 100 iscritti (grazie a tutti! :) ) e per festeggiare questo lieto evento ho deciso di regalarvi una chicca: sono riuscito a ritrovare alcuni mie vecchie video recensioni del mio precedente canale che poi chiusi quasi un anno fa, e oggi vi regalo la recensione del libro dell'autrice giapponese che vedete qui a sinistra Banana Yoshimoto, ovvero Il corpo sa tutto, una raccolta di racconti.

Qua sotto la video recensione. 

Buona estate e, come sempre, vi auguro buone letture! :) 




sabato 2 agosto 2014

[Frahorus consiglia #1] Uno sguardo ai best seller

Cari amici lettori, bentrovati! Come stanno andando queste vacanze? State leggendo? Spero vi stiate rilassando, staccare la spina è vitale! :)

Gironzolando su Amazon ho controllato i libri più venduti in questo periodo, e vi riporto brevemente quello che ho trovato di interessante (secondo me) da leggere.

Storia di una ladra di libri di Markus Zusak è il romanzo ambientato nella Seconda Guerra Mondiale e dal quale è uscito recentemente l'omonimo film, infatti la copertina non è che il poster del film. Avevo adocchiato questo libro molti anni prima che uscisse il film e devo dire che il titolo mi aveva incuriosito, ma non avevo trovato abbastanza attrattiva per comprarlo. Secondo voci a me amiche è un'ottima lettura, e per questo, nonostante non l'ho ancora letto (ma ce l'ho in ebook) vi consiglio di darci un'occhiata. 

Sinossi: È il 1939 nella Germania nazista. Tutto il Paese è col fiato sospeso. La Morte non ha mai avuto tanto da fare, ed è solo l'inizio. Il giorno del funerale del suo fratellino, Liesel Meminger raccoglie un oggetto seminascosto nella neve, qualcosa di sconosciuto e confortante al tempo stesso, un libriccino abbandonato lì, forse, o dimenticato dai custodi del minuscolo cimitero. Liesel non ci pensa due volte, le pare un segno, la prova tangibile di un ricordo per il futuro: lo ruba e lo porta con sé. Così comincia la storia di una piccola ladra, la storia d'amore di Liesel con i libri e con le parole, che per lei diventano un talismano contro l'orrore che la circonda. Grazie al padre adottivo impara a leggere e ben presto si fa più esperta e temeraria: prima strappa i libri ai roghi nazisti perché "ai tedeschi piaceva bruciare cose. Negozi, sinagoghe, case e libri", poi li sottrae dalla biblioteca della moglie del sindaco, e interviene tutte le volte che ce n'è uno in pericolo. Lei li salva, come farebbe con qualsiasi creatura. 

venerdì 1 agosto 2014

In libreria con Sebastiano

Cari amici lettori, bentrovati! Che accade quando due booktubers (ovvero due recensori di libri su Youtube) si incontrano per la prima volta dal vivo? Semplice: si va in libreria! Ed è quello che mi è accaduto l'altro ieri, quando ho incontrato Sebastiano alla Mondadori di Ragusa. 

Di seguito vi lascio il vlog filmato da Sebastiano dentro la libreria e dopo i due video tag che abbiamo deciso di girare per conoscerci un po' meglio. 




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...